intro home galleria la critica contatti

Paola Moglia - reviews - Biennale Venezia 2017

ESPOSIZIONE BIENNALE DI VENEZIA 2017
MOSTRA "Grazie Italia" al Padiglione Nazionale Guatemala
57° Esposizione Internazionale d'Arte la Biennale di Venezia

13 maggio - 26 novembre 2017

BIENNALE VENEZIA ARTE 2017 LOGO

foto della mostra e della premiazione del 26 ottobre 2017

LA PROVINCIA 6 luglio 2017 Moglia alla Biennale di Venezia
leggi l'articolo su pdf

LA PROVINCIA 30 ottobre 2017
Paola Moglia alla Biennale di Venezia
Premiato il suo "Riposo invernale"

Venezia. "E' sempre emozionante partecipare alla Biennale di Venezia" dice ancora piena di soddisfazione la pittrice Paola Moglia. La partecipazione dell'artista cremonese si è inserita nell'iniziativa Grazie Italia presso padigline Guatemala tenutasi al palazzo Albrizzi Capello. Paola Moglia è stata premiata dal critico e storico d'arte, Daniele Radini Tedeschi, commissario anche della Triennale di Roma.
L'opera che ha convinto la giuria si intitola: Riposo inernale, eseguita con tecnica mista su tela, informale. Paola Moglia conferma la sua vena creativa e dimostra con grande maturità come il colore e la tela possano diventare materia duttili, scultorei in grado di fermare e dare materia ai moti dell'anima e alle emozioni si dell'autrice che di chi si approccia alle tele di Moglia.
Hanno partecipato all'inaugurazione e premiazione anche i critici d'arte Gianni Dunil, Carini e Sefania Pieralice. Il tema conduttore della mostra in cui era inserita l'opera di Moglia era il paradiso, tema che l'artista ha declinato con i cromatismi tenui del bianco visto come spiritualità, ma laicamente affidato alle emozioni del Riposo invernale.

Nicola Arrigoni.

Video tratto da Cremona 1 "Ore 12" del 17 ottobre 2017
Intervista a Paola Moglia con Tiziana Cordani
MOSTRA "Grazie Italia" al Padiglione Nazionale Guatemala
57° Esposizione Internazionale d'Arte la Biennale di Venezia

13 maggio - 26 novembre 2017

guarda l'intervista su YouTube

LA PROVINCIA 6 luglio 2017 Moglia alla Biennale di Venezia
ingrandisci

LA PROVINCIA 6 luglio 2017
Moglia alla Biennale di Venezia
IUn dipinto al padiglione Guatemala

Cremona. La pittrice cremonese Paola Moglia torna ad esporre alla Biennale di Venezia dopo la proficua esperienza del 2015. Il quadro selezionato per questa 57esima Esposizione Internazionale d'arte, si intitola "Riposo invernale", un astratto materico con idropittura, scaglie di gesso, colla e sabbia.
"L'opera che porto a Venezia - spiega Moglia - vuole esprimere la sensazione avvolgente che mi dà l'arrivo a passi lenti della stagione invernale. Dove l'aria frizzante che mi circonda e abbraccia mi porta il ricordo della neve che riposa quieta silenziosa, e insieme la voglia di sprigionare il mio spirito".
Il dipinto sarà esposto nella mostra Grazie Italia che si terrà nel padiglione Guatemala della rassegna veneziana dal 26 ottobre al 26 novembre prossimi. L'organizzazione della rassegna si deve a Stefania Pieralice, presidente della Start, la società produttrice dell'Esposizione Triennale di ARti Visive a Roma e organizzatrice dello stesso Padiglione Guatemala alla Biennale 2017 curato da Daniele Radini Tedeschi.
Diplomata alla Scuola Internazionale di Grafica di Venezia, Moglia inizia prestissimo l'attività di grafico e di ARt Director presso alcune note agenzie pubblicitarie ma non dimentica di coltivare la sua passione per l'arte. Nascono così raffinati lavori astratti in bilico tra pittura e grafica. L'evolversi della pittura dell'autrice cremonese verso forme miste di pittura e rilievo plastico è confermato dalle pitto-sculture più recenti ed ancora inedite, nelle quali Moglia si misura con la bidimensionalità e con l'utilizzo di nuovi ed innovativi materiali alla riceca di una forma espressiva sempre più compiuta. MT

ATTESTATO DI MERITO CONFERITO ALL'ARTISTA
PAOLA MOGLIA
VENEZIA 26 OTTOBRE 2017

ATTESTATO DI MERITO CONFERITO ALL'ARTISTA
PAOLA MOGLIA
VENEZIA 26 OTTOBRE 2017


Modivazione di Daniele Radini Tedeschi
curatore alla 57° Biennale di Venezia, Padiglione Guatemala


Per l'affermazione dell'informale sempre contemporaneo.